Crampi precoci in gravidanza: cosa devi sapere

crampi_inizio_gravidanza

È facile presumere che il ciclo stia arrivando quando hai dei crampi in quel periodo del mese. Ma, a quanto pare, quel disagio familiare potrebbe effettivamente essere un primo segno di gravidanza. Anche dopo aver realizzato di aver perso il ciclo e aver visto quell’eccitante risultato positivo del test di gravidanza, quei primi crampi di gravidanza possono continuare per un po’. Niente panico: è una parte molto normale di quelle prime settimane piene di ormoni. Tuttavia, è naturale chiedersi perché potresti provare crampi all’inizio della gravidanza, cosa puoi fare per alleviare il disagio e se ci sono bandiere rosse a cui prestare attenzione. Vuoi sapere tutto su quei crampi, fitte, dolori e dolori del primo trimestre? Ecco tutto quello che devi sapere.

Non tutti avvertono o notano i crampi precoci della gravidanza, afferma Christine Greves, MD, ginecologa certificata presso il Winnie Palmer Hospital for Women & Babies di Orlando, in Florida: “Dipende dalla persona e da quanto è sensibile”. La sensazione esatta dei crampi può variare, ma in generale sono “proprio come i normali crampi mestruali: un fastidio lieve, opaco e persistente”, afferma Theresa Rose, DO, un ginecologo con Northwestern Medicine.

Se ti stai ancora chiedendo come si sentono i crampi all’inizio della gravidanza, pensa all’utero come a “un grosso muscolo”, afferma Jonathan Schaffir, MD, ginecologo presso l’Ohio State University Wexner Medical Center. Fondamentalmente, i crampi all’inizio della gravidanza possono sembrare simili ai crampi muscolari che sentiresti in altre parti del corpo.

I crampi all’inizio della gravidanza sono normali?

Sì, sperimentare crampi mestruali durante l’inizio della gravidanza è una lamentela comune tra le neomamme. È comprensibile sentirsi nervosi quando si sente qualcosa di diverso nel proprio corpo durante questo periodo tumultuoso dal punto di vista fisico ed emotivo, ma Schaffir conferma che questi crampi all’inizio della gravidanza sono “molto comuni”. E se non si verificano crampi durante l’inizio della gravidanza? Anche questo va bene: “Considerati fortunato”, dice Greves.

Cause dei crampi precoci in gravidanza

In realtà ci sono diversi motivi per cui potresti provare crampi all’inizio della gravidanza in quelle prime settimane e mesi.

  • Il tuo uovo fecondato si sta impiantando nel tuo utero. Prima che tu abbia un periodo mancato, un uovo che è stato fecondato deve impiantarsi nel rivestimento del tuo utero dove crescerà, e questo può comportare un leggero disagio. I crampi da impianto sono del tutto normali e “potrebbero sembrare una piccola fitta, dolore o sensazione di trazione”, afferma Greves. Può anche essere accompagnato da alcune macchie luminose chiamate sanguinamento da impianto. Vale la pena notare che l’impianto avviene pochi giorni dopo che normalmente ti aspetteresti di avere le mestruazioni; se non hai un ciclo prevedibile, può essere più confuso determinare se stai riscontrando crampi mestruali rispetto a crampi all’inizio della gravidanza (quindi potresti voler fare un test di gravidanza.
  • Il tuo utero sta crescendo. I crampi all’inizio della gravidanza sono spesso causati dalla rapida espansione del tuo utero insieme al tuo bambino in crescita, dice Rose. “Il tuo utero sta subendo molti cambiamenti nel primo trimestre”, spiega. “Si passa dall’essere solo nella pelvi a diventare un organo addominale e uscire dal bacino.” Fondamentalmente, alcuni lievi crampi potrebbero essere il risultato dello stiramento delle fibre muscolari. Pensa a questo come a “dolori della crescita”, dice Schaffir.
  • Potresti avere il gas. All’inizio della gravidanza, la motilità intestinale (ovvero la velocità con cui le cose si muovono attraverso il tratto intestinale) rallenta, in parte a causa di improvvisi cambiamenti ormonali. Ciò può portare a spiacevoli sintomi gastrointestinali come gonfiore, gassosità e stitichezza. Se questo è il caso, non stai sperimentando crampi all’inizio della gravidanza di per sé, ma piuttosto un sottoprodotto di tutti i cambiamenti fisici che accadono nel tuo corpo. È “un diverso tipo di crampo, ma comunque normale”, osserva Schaffir.
  • Hai appena fatto sesso. Il rilascio di ossitocina dopo un orgasmo può far contrarre l’utero e portare a crampi durante l’inizio della gravidanza; ma non preoccuparti, qualsiasi disagio dovrebbe svanire rapidamente.
  • Hai un’infezione delle vie urinarie. Sei più a rischio di contrarre un’infezione delle vie urinarie intorno o dopo la sesta settimana di gravidanza, secondo l’American Pregnancy Association. Se i crampi sono accompagnati da minzione frequente, sensazione di bruciore quando si va in bagno o febbre, consultare il medico.

Sebbene i crampi all’inizio della gravidanza siano generalmente considerati innocui, possono essere un segno che qualcosa non va, specialmente quando sono accompagnati da forti emorragie. Stai certo, però, che un piccolo dolore pelvico di per sé non è davvero motivo di preoccupazione, dice Rose. Tuttavia, se si verificano forti crampi, sanguinamento o perdite insolite o altri sintomi preoccupanti, contattare il medico.

Quanto durano i crampi all’inizio della gravidanza?

I crampi all’inizio della gravidanza possono essere un inconveniente, ma in genere non si mantengono per lunghi periodi. La maggior parte delle donne che li sperimentano sarà leggermente a disagio per alcuni minuti al giorno. Tuttavia, è possibile che ti tormentino per qualche ora, dice Rose. Possono anche andare e venire durante il primo trimestre per vari motivi, ma è probabile che siano più pronunciati nel primo mese dopo il test di gravidanza positivo, afferma Schaffir.

Come trattare i crampi in gravidanza?

Se hai crampi all’inizio della gravidanza qua e là e generalmente non ti causano troppo dolore, non devi fare nulla per curarli. Ma se sei a disagio, i medici dicono che ci sono alcune cose che puoi provare:

  • Usa un impacco caldo. Mettere un impacco caldo, non bollente sull’addome può aiutare ad alleviare il disagio, raccomanda Greves.
  • Fai un bagno tiepido. Come un termoforo, immergersi in un bagno caldo può anche alleviare i dolori muscolari, ma assicurati che non sia troppo caldo. “Le donne dovrebbero stare attente a non usare nulla che possa aumentare la loro temperatura corporea interna all’inizio della gravidanza, come una vasca idromassaggio”, consiglia Schaffir.
  • Prendi il paracetamolo. L’acetaminofene (aka Tylenol) è considerato sicuro da usare in gravidanza. Schaffir avverte che altri farmaci antidolorifici, come l’ibuprofene e il naprossene, dovrebbero essere generalmente evitati. Se hai domande o dubbi, parla con il tuo medico.

Quando chiamare il medico per i crampi in gravidanza?

I crampi all’inizio della gravidanza sono normali, ma ci sono alcuni casi in cui è una buona idea consultare il ginecologo o l’ostetrica: se si avverte “dolore acuto persistente, dolore localizzato su un lato del bacino all’inizio della gravidanza o dolore con sanguinamento”, consiglia Schaffir in cerca di aiuto. Potrebbe essere un possibile segno di un aborto spontaneo precoce o di una gravidanza ectopica, che si verifica quando l’ovulo fecondato si attacca all’esterno dell’utero.

Quando sei appena incinta, qualsiasi sintomo sgradevole o fastidioso può essere sconcertante. Sebbene i crampi occasionali all’inizio della gravidanza siano normali, non fa mai male fare un controllo con il medico o l’ostetrica per ottenere un po’ di rassicurazione e tranquillità.

Chi sono gli esperti

Christine Greves, MD, è ginecologa presso il Winnie Palmer Hospital for Women & Babies di Orlando, in Florida. Ha conseguito la laurea in medicina presso il College of Medicine della University of South Florida.

Theresa Rose, DO, è una ginecologa della Northwestern Medicine. Ha conseguito la laurea in medicina presso il Lake Erie College of Osteopathic Medicine in Pennsylvania.

Jonathan Schaffir, MD, è un ginecologo presso l’Ohio State University Wexner Medical Center e l’autore di Cosa credere quando ti aspetti: un nuovo sguardo ai racconti delle vecchie mogli in gravidanza. Ha conseguito la laurea in medicina presso la Brown University di Providence, Rhode Island.

Nota: Bimbo in casa e i materiali e le informazioni in esso contenuti non sono destinati e non costituiscono consulenza o diagnosi medica o di altro tipo e non devono essere utilizzati come tali. Dovresti sempre consultare un medico qualificato o un professionista della salute in merito alle tue circostanze specifiche.

©2019 - Bimbo in casa - P. IVA 15083201002 - Privacy Policy - Cookie Policy

In qualità di Affiliato Amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.